fbpx

Chi siamo

Progetto Marconi

Caffé felici

Quel caffè è stato il primo e – come in amore – non si scorda mai.
In realtà però i caffè successivi sono risultati sempre più gustosi, con l’aroma inconfondibile del primo che accompagna il sorgere di una buona giornata. E da quel giorno di metà giugno sono state tutte buone giornate. Anche quelle in cui le nubi parevano voler alloggiare proprio sulle teste di Danilo e Massimo, piuttosto che sulle case, sui palazzi. In realtà anche quei caffè erano caffè buoni: caffè felici. Ognuno accompagnava, infatti, un piccolo tassello al futuro professionale di Progetto Marconi. Dal nostro sorgere, con l’impegno proprio di chi non si pone mai limiti di orario, continuiamo a:

trovare piena sintonia con le istituzioni su nostre iniziative tese a sostenere lo sviluppo delle piccole imprese e del lavoro d’opera;

offrire alle aziende l’opportunità di fare formazione interna a costo zero, anche per quel che concerne gli obblighi previsti dal contratto di apprendistato;

accompagnare centinaia di disoccupati nella formazione professionale gratuita e nell’incontro con le aziende ospitanti gli stage;

dare anche alle persone professionalmente occupate o in cassa integrazione o in mobilità l’opportunità di formarsi e aggiornarsi gratuitamente o in forma cofinanziata;

offrire alle aziende l’opportunità di avvalersi di persone in stage senza oneri e con la possibilità di valutare ipotesi di assunzione anche a fronte di incentivi economici ad hoc.

Ancora caffé

Si grazie. In abbondanza. Credo che ci piaccia per il servizio, oltre che per l’aroma…
Abbiamo iniziato l’attività determinati nell’idea di miscelare serietà, trasparenza, disponibilità e rispetto delle regole. Non uno di questi ingredienti abbiamo intenzione di abbandonare nel prosieguo, visti i risultati che le nostre convinzioni ci hanno concesso di conseguire.
Lavorare per dare il proprio contributo nello sviluppo dei processi sociali ed economici è una sfida ambiziosa e molto più grande dei metri quadri che ci contengono. Ma finché il nostro impegno proseguirà ad avere sete di miglioramento continueremo a tenere alte le nostre tazzine.
Ancora uno, grazie.

Massimo Francone

Fondatore

Danilo Rissone

Fondatore